Post-Pandemia e digitalizzazione

I vaccini sono arrivati, le cure funzionano, ci stiamo avviando verso la fine della pandemia. Festeggiamo, ripartiamo, lasciamoci tutto alle spalle !

Il periodo critico è passato, non ho più bisogno di digitalizzare, di avere un sito, un e-commerce, pagamenti elettronici, ecc. Posso riprendere la mia normale attività come prima.

mmmmh, sicuro ? Questo periodo non ti ha insegnato nulla ? La prima volta ci ha colto impreparati ... se succedesse ancora ? Insomma, non voglio portar sfiga ma questa pandemia potrebbe non essere l'ultima.

Chi aveva investito portando la propria attività online si è trovato avvantaggiato; non dico che non abbia riportato perdite di fatturato ma sicuramente si è ritrovato con uno strumento di lavoro già avviato e col quale poter superare questo momento critico e magari scoprire che nel futuro può trasformarsi da attività marginale ad attività complementare.

Ecco perchè nel 2021 è obbligatorio avere un proprio sito web ... semplice vetrina, e-commerce, blog, insomma uno spazio personale dove presentare se stessi e la propria attività.

Ed i social media ? Anch'essi importanti, ma meritano un approfondimento a parte ed in ogni caso sono complementari, non possono e non devono sostituire uno spazio web personale.

Molti si fermano di fronte al costo di realizzazione di un sito web, perchè in fondo Facebook, Twitter, Instagram ... sono gratuiti e permettono di fare molte cose (anche vendere prodotti). Peccato che in realtà gratuiti non lo sono (paghi con i tuoi dati personali), possono "sbatterti fuori" quando vogliono e non ti permettono di creare una vera identità (sei uno dei tanti). Per questi motivi dico che sono importanti, ma complementari.

Ci sono poi servizi molto attraenti e devo dire ben fatti, come Wix, Squarespace, Wordpress ... attraggono clientela offrendo gratis i servizi base ma poi ci si accorge che per qualcosa di "decente" bisogna pagare !

Si tratta di ottimi servizi, ma il risparmio è solo apparente e soprattutto ci si deve costruire da soli il proprio sito; questo può essere sicuramente divertente e motivante, ma se non si hanno delle basi di design ed un innato gusto personale, i risultati possono essere discutibili ed il rischio è "distruggere" il proprio marchio anzichè promuoverlo.

La pandemia (si spera) si sta avviando verso la fase conclusiva, ma la digitalizzazione è appena cominciata.

E' importante esserci e strutturarsi nel modo giusto (sito, e-commerce, pagamenti elettronici, gestione centralizzata clienti, preventivi, ordini e fatture).

La digitalizzazione è il futuro, però secondo me una strategia vincente non deve mai abbandonare il rapporto umano. Insomma, credo che il "vecchio" modo di gestire un'attività debba convivere con il "nuovo" mondo digitale. La fusione delle due cose è il vero progresso !

Previous Post